ECCO UNO STUDIO SCIENTIFICO DEL 2019 CHE SUPPORTA LA NECESSITÀ DI UNA PRESA IN CARICO PSICOLOGICA NEI CASI DI SINDROME METABOLICA

Abbiamo già parlato di Sindrome Metabolica (ricordiamolo per chi non ha letto il precedente articolo: circonferenza vita oltre 80 cm per le donne e 90 cm per gli uomini, glicemia, colesterolo, trigliceridi e pressione del sangue alti o nei valori più alti del range di riferimento) e dei suoi impatti importanti sulla salute. Uno studio scientifico del novembre del 2019 (qui l’articolo originale sul sito PubMed: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31911349/) ha messo in correlazione la gravità della Sindrome Metabolica e la Resilienza Psicologica delle persone. Le conclusioni confermano, oltre a quello che sapevamo già sugli effetti dello stress (specialmente lavorativo) nell’aggravamento della Sindrome Metabolica, che la resilienza psicologica possa avere un ruolo sia come tampone dello stress, che come determinante diretto della salute cardiometabolica. “Questi risultati” scrivono i ricercatori “estendono la letteratura sulla resilienza psicologica alle misure della funzione retrospettiva dell’asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene e della gravità della Sindrome Metabolica in un campione diversificato”Di seguito una libera traduzione dell’Abstract originale dello studio:Stress percepito, resilienza psicologica, concentrazione di cortisolo nei capelli e gravità della sindrome metabolica: un modello di mediazione moderatoH Matthew Lehrer 1 , Mary A Steinhardt 2 , Susan K Dubois 3 , Mark L Laudenslager 4PMID: 31911349 PMCID: PMC7769194 DOI: 10.1016/j.psyneuen.2019.104510AstrattoContesto: si ritiene che la resilienza psicologica protegga dagli effetti dannosi dello stress percepito sulla salute cardiovascolare e metabolica, ma pochi studi hanno testato i meccanismi biologici alla base di queste relazioni.Scopo: Questo studio ha esaminato se la resilienza psicologica ha moderato l’associazione indiretta dello stress percepito con la gravità della sindrome metabolica (MetS) attraverso la concentrazione di cortisolo dei capelli (HCC), un indice retrospettivo dell’attività dell’asse ipotalamo ipofisi-surrene (HPA).Metodo: I partecipanti includevano 228 adulti (73 bianchi, 86 ispanici, 69 afroamericani; età media 45,29 anni; 68% femmine). I partecipanti hanno completato questionari per valutare lo stress percepito (Scala dello stress percepito) e la resilienza (Scala della resilienza breve). I primi 3 cm di capelli vicino al cuoio capelluto sono stati analizzati per la concentrazione di cortisolo mediante analisi immunoenzimatica. Sono stati valutati i fattori di rischio cardiometabolico tra cui glicemia, lipidi, pressione sanguigna e circonferenza della vita, da cui è stato calcolato un punteggio di gravità MetS continuo specifico per sesso e razza/etnia. Un modello di mediazione moderata è stato testato utilizzando l’analisi del percorso.Risultati: la resilienza psicologica ha moderato l’associazione dello stress percepito con l’HCC (cambiamento R2 per l’interazione = 0,014, p = 0,043), in modo tale che l’associazione tra stress percepito e HCC è diminuita all’aumentare dei punteggi di resilienza. La resilienza ha anche moderato l’associazione indiretta dello stress percepito con la gravità della MetS tramite HCC (b = -0,039, 95% CI [-0,001; -0,100]), in modo tale che l’HCC ha mediato l’associazione di un maggiore stress percepito con una maggiore gravità della MetS solo per gli individui che riferiscono Breve punteggio della scala di resilienza 3 o inferiore (intervallo: 1,17-5,00). La resilienza psicologica è stata anche associata a una minore gravità della MetS (β = -0,227, p = 0,014) indipendentemente dallo stress percepito e dall’HCC.Conclusione: i risultati suggeriscono che la resilienza psicologica può servire sia come tampone dello stress sia come determinante diretto della salute cardiometabolica. Questi risultati estendono la letteratura sulla resilienza psicologica alle misure della funzione retrospettiva dell’asse HPA e della gravità della MetS in un campione diversificato.

Qui l’articolo originale pubblicato su PubMed

Condividi

Share on facebook
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email